Australia

Per molti l’Australia rappresenta il sogno di una vita, un viaggio da realizzare e da pianificare il più possibile per non essere colti impreparati e per poter cogliere al massimo le esperienze indimenticabili che sarà in grado di regalarvi.

Quando andare

L’Australia si trova a sud dell’equatore ed ha, quindi, le stagioni invertite rispetto a quelle a cui siamo abituati. Tuttavia è un continente grande e presenta fasce climatiche diverse e non è quindi possibile fare di tutta l’erba un fascio. fermiamoci un attimo e ragioniamo sul tipo di viaggio che vogliamo fare. Desideriamo esplorare una zona precisa dell’Australia? Bene, allora è necessario studiare bene il periodo in cui andare, se invece vogliamo vedere il più possibile e magari spaziare negli spostamenti interni, allora il periodo che può essere più consono sarà la mezza stagione, autunno (marzo-maggio) o primavera (settembre – novembre) che sia.
Dividiamo idealmente il continente in tre zone climatiche, tanto per fare un minimo di chiarezza.
Partiamo dalla zona che si trova sopra la linea del tropico del capricorno, che è circa un terzo dell’Australia; queste zone, per semplificare, presentano due stagioni: una secca ( maggio-ottobre) con poca umidità, precipitazioni quasi nulle e temperature tra i trenta e i trentaquattro gradi. L’altra stagione è invece detta delle piogge (novembre-aprile), caratterizzata dal rischio di cicloni e allagamenti, temperature alte e molta umidità.
Spostandoci idealmente verso il polo sud, nella zona sub tropicale, troviamo inverni più miti (simili per piogge e temperature al nostro autunno) ed estati calde.
Ed infine la parte più centrale, il Red Center. Qua il clima è semiarido caratterizzato da estati molto calde e inverni dalle forti escursioni termiche tra giorno e notte.
Siete ancora confusi? cerchiamo di essere schematici e di riuscire a darvi un’idea più precisa. Per visitare la zona meridionale e le grandi metropoli (Sydney, Melbourne, Perth, Adelaide, Canberra, Hobart) , il periodo migliore è dicembre-febbraio. Per la zona tropicale ( si pensi alla Grande Barriera Corallina) bisogna viaggiare tra giugno e agosto. Mentre nel Red Centre ci si può recare durante tutto l’anno ( tenendo ben presente che bisognerà considerare un’abbigliamento fresco per il giorno e caldo per la sera/notte.

Quali documenti servono

Dopo aver deciso quando fare il vostro viaggio, bisogna richiedere il visto turistico per poter entrare nel paese e per potervi soggiornare. A seconda delle necessità ci sono vari tipi di visto, il più consono per i cittadini italiani è un visto elettronico (ETA) che può essere tranquillamente richiesto presso le agenzie di viaggio o le compagnie aeree, ma il passaporto deve avere validità per ancora sei mesi. Questo visto permette di visitare l’Australia più volte in un anno (con una permanenza massima di tre mesi per oggi viaggio). Non ha alcun costo, se non quello di 20 dollari australiani per le domande fatte online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *