Dimentica Gallipoli, lascia stare per un attimo Otranto, metti da parte il barocco di Lecce: il Salento è (anche) tantissimo altro: è borghi minuscoli, caratteristici e poco conosciuti che donano suggestioni irreplicabili, degne di essere esplorate e scoperte, con meraviglia e curiosità…

Basta un po’ di spirito da viaggiatore e il desiderio di approcciarsi in modo nuovo.

Specchia

A pochi km da Leuca, nel Sud più profondo del Tacco, sorge la cittadina di Specchia, un comune da appena 5.000 abitanti, anche meno, ma degna di essere inclusa nella lista dei Borghi più Belli d’Italia dall’ANCI.

Specchia è il paese dove tutto sembra essersi fermato, immobile e uguale a se stesso, fedele alla propria identità più antica da sempre. il borgo è caratterizzata da una densità di monumenti e attrazioni incredibile per una realtà così piccola.

Le piccole strade, le viuzze e gli incroci che disegnano la mappa cittadina sono un susseguirsi di chiese antiche delle epoche più varie, palazzi e costruzioni civili e, poco fuori il centro abitato, frantoi ipogei e reperti archeologici, megaliti che raccontano di una storia che si tinge di leggenda e che si perde nei millenni che ci precedettero.

Pescoluse

In estate, se non vi muovete per tempo, difficilmente troverete b&b, hotel e residence Pescoluse disponibili; la località, frazione di Salve, è strutturata su una dozzina di strade circa, un’oasi di benessere che accarezza il mare intenso dello Ionio, tra costa sabbiosa e litorali di roccia.

La sera il borgo si svuota, donando ai turisti e ai residenti ore di assoluto relax, nel caldo serrato del Salento, col vento a solleticare le seduzioni di una realtà tutta da scoprire.

Santa Cesarea Terme

Santa Cesarea Terme è una meta molto famigliare agli amanti della movida notturna, meta di riferimento con le sue rinomate discoteche e tutta una serie di attività che, collateralmente, hanno dato dinamismo al piccolissimo comune, che supera appena i 3.000 abitanti.

Ma la località è molto più di ballate fino a tarda notte: un luogo incantevole per suggestioni naturalistiche e seduzioni architettoniche, contraddistinta da uno skyline marino tra i più belli del Tacco e che abbraccia ad ampio raggio il versante adriatico.

Un lungo tratto di costa è impreziosito da acque termali che sono elemento fondante dell’identità e della toponomastica del posto; poco in profondità, si scrutano le grotte naturali Sulfurea, Solfarata, Fetida e Gattulla, immerse nelle acque intense del posto.

Raccontaci la esperienza da viaggiatore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *