Ecoturismo: tra sostenibilità e rispetto dell’ambiente

natura parco del ticino

Viaggio non per sfuggire alla vita, viaggio perché la vita non mi sfugga

L’ecoturismo è una sintesi tra turismo ed ecologia e rispetta i principi della sostenibilità ambientale rispettando in pieno la natura. Quest’ultima importante frontiera dei viaggi di qualità possiamo definirla come “un modo di viaggiare responsabile, il cui il turista visita e soggiorna in un paese straniero conservando e rispettando l’ambiente naturale e la cultura del luogo, sostenendo e contribuendo alla crescita economica e al benessere della popolazione locale.

Esso incardina qualsiasi forma di turismo la quale rispetti i tre principi fondamentali della sostenibilità, che sono la tutela del patrimonio naturale, sociale ed economico presenti nel territorio interessato.

Pur essendo ancora solo un settore di nicchia all’interno del fenomeno turistico in generale, porta con sé una filosofia che può essere applicata a tutti gli ambiti turistici.

L’ecoturismo costituisce difatti un’attività turistica volta a favorire e non alterare l’ambiente naturale, sociale e artistico di una meta, e a non ostacolare o inibire lo sviluppo di altre attività sociali ed economiche tipiche del posto.

Proprio per l’intento di sostenere uno sviluppo sostenibile, l’ecoturismo rappresenta la sfida futura del turismo e del viaggiare dell’ultimo ventennio.

Si tratta di un turismo perfettamente integrato col territorio l’ecoturista, infatti, è colui che vuole godere di un ambiente naturale, sostenendo il benessere delle popolazioni locali.

In Italia, sono tante le strutture virtuose nelle quali realizzare una vacanza all’insegna dell’ecoturismo. Tra queste ricordiamo: il Lebbiano Residence che si trova sulle colline di Scandicci, a pochi chilometri da Firenze, ed è stato realizzato secondo i criteri della bio-architettura, con totale rispetto dell’ambiente.

La Baita Paiei è un Rifugio Alpino Bio a 1.600 mt di altezza, ai piedi del Bosco dell’Alevè, sul versante sud del Monviso. La struttura, ristrutturata con i criteri della bioedilizia, offre una cucina una biologica vegetale, nel totale rispetto della natura.

L’Agriturismo Colle Legnano è una fattoria ecologica che si affacciata sui Monti Sibillini, aTolentino, vicino alle Terme Santa Lucia e alle Grotte di Frasassi. Un altro esempio è il Lefay Resort sul Lago di Garda costruito con criteri di ecosostenibilità come l’utilizzo di rinnovabili a processi di riciclaggio spinto dei rifiuti.

L’hotel Villa di Campo nelle Dolomiti si distingue, invece, come tanti altri per l’integrazione con le comunità locali e l’utilizzo esclusivo di prodotti a chilometro zero.

Vi riportiamo alcuni tra i più importanti itinerari eco-turistici, consultabili anche su www.ecoreport.org

L’OGLIASTRA PASTORALE SCOPRE L’ECOTURISMO

Trekking e progetti di ecoturismo nella Zona blu che vanta gli uomini più longevi del Pianeta. Uno scrigno della tradizione pastorale, dalla cucina genuina ai siti nuragici, fino alle feste in costume.

Villagrande Strisaili, in Ogliastra, è famosa nel mondo per la longevità dei suoi uomini, che hanno un’aspettativa di vita pari a quella delle donne, diversamente dal resto dell’Italia dove i maschi vivono in media sei anni in meno delle femmine.

Qui si trova un numero sorprendente di maschi centenari e lo studio demografico comparato dei professori Gianni Pes (Università di Sassari) e Michel Poulain (Università di Tallin, Estonia, e Louvain, Belgio) ha inserito questo altopiano della Sardegna centro-occidentale tra le Zone blu, le aree del Pianeta in cui si registra la maggiore longevità.

DOLOMITI OIL FREE

La valle di Primiero-Vanoi sceglie auto elettriche e raggiunge l’autosufficienza energetica da fonti rinnovabili. In futuro bici elettriche e biometano dagli allevamenti bovini. Trekking sull’Altopiano delle Pale.

Col progetto Green Way la valle di Primiero-Vanoi, nelle Dolomiti trentine, sceglie una via di sviluppo sostenibile a basso impatto eliminando l’uso di derivati del petrolio per trasporti, riscaldamento e produzione energetica.

La valle montana composta da otto comuni e dalla località turistica di San Martino di Castrozza, per un totale di circa 10.000 abitanti, ha siglato un accordo con Renault per la fornitura di veicoli al 100% elettrici da adibire a servizi pubblici sul territorio.

Il progetto si estenderà con un servizio di car sharing con auto elettriche a disposizione di cittadini e turisti, con un servizio di bike sharing con biciclette elettriche (pedalata assistita) e con lo sviluppo di percorsi ciclabili.

E nel futuro ci sono il progetto di sfruttare le deiezioni animali (l’allevamento bovino è tra le maggiori risorse della valle) con un impianto per la produzione di biogas (biometano) da usare come carburante per autotrazione.

E la realizzazione di una funicolare elettrica da San Martino di Castrozza a Passo Rolle alimentata da energia da fonte rinnovabile.

PARCO DEL TICINO ESEMPIO PER UN NUOVO MODELLO DI SVILUPPO

Turismo sostenibile, enogastronomia, cultura, agricoltura, efficienza energetica e salvaguardia di foreste ed ecosistemi. Per coniugare la protezione del territorio con la crescita economica.

Il Parco del Ticino vuole diventare un modello di sviluppo alternativo puntando su ecoturismo, enogastronomia, offerta culturale, agricoltura a filiera sempre più corta, salvaguardia di foreste ed ecosistemi ed efficienza energetica nei 58 comuni (480.000 abitanti) e nelle 1000 aziende agricole comprese nella zona protetta.

E quanto è emerso dal convegno Terre del Parco del Ticino, un nuovo modello di sviluppo territoriale, svoltosi lo scorso weekend al Museo Maga di Gallarate, a cui hanno partecipato Fai, Wwf e ministro del Turismo Piero Gnudi.

L’obiettivo è sposare la salvaguardia del territorio con la crescita economica rivolta alla green economy in un momento in cui il settore manifatturiero attraversa una profonda crisi.

Insomma, un modo per scoprire la bellezza della Natura e lasciarsene rapire vivendo autenticamente.

VIDEO SPOT

Autore dell'articolo: Turismo e Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *