rafting team building

Che cos’è il Rafting Team Building?

Il rafting team building coniuga sport e formazione in un’esperienza unica. Si tratta di un’attività da praticare a stretto contatto con la natura discendendo in gruppo un fiume a bordo di gommoni. Il rafting risponde pienamente agli obiettivi posti dal team building, mette alla prova la capacità del gruppo di coordinarsi in una situazione difficile ma anche avvincente e divertente.

Attraverso la condivisione di un’attività come il rafting team building è possibile far emergere alcune specifiche capacità. I partecipanti dovranno prendere decisioni in tempi brevi, saper sopportare lo stress e accettare il rischio ma anche dimostrare di saper fare squadra ed essere flessibili.

Dove praticare il rafting team building

In Italia sono numerosi i centri dove si pratica questo sport. Tra le località più famose dove compiere discese mozzafiato, c’è sicuramente la Valle d’Aosta con la sua Dora Baltea (“Il Colorado d’Italia”), la cascata delle Marmore in Umbria, il Fiume Lao in Calabria, il fiume Noce in Trentino o il Brenta in Veneto.

Dovunque si intenda svolgere l’attività sarà necessario rivolgersi ad un centro specializzato che possa noleggiare l’attrezzatura necessaria e fornire l’opportuna assistenza.

Rafting come vestirsi

Per svolgere questo sport è indispensabile indossare il giusto abbigliamento e noleggiare l’occorrente per effettuare la discesa. Ecco come vestirsi per fare rafting:

  • Costume da bagno da indossare sotto la muta;
  • maglia a maniche lunghe, pile o maglione di lana;
  • calze di lana o in fibra sintetica;
  • scarpe da ginnastica o da trekking;
  • muta in neoprene;
  • giacca impermeabile;
  • giubbotto salvagente;

In genere, questi ultimi quattro capi saranno forniti dalla struttura organizzatrice insieme al gommone e alle pagaie.

Rafting team building chi può farlo

Il Rafting è un’attività adatta a tutti. Si svolge in squadre composte dalle 4 alle 8 persone. Le squadre si sfidano a bordo di un gommone, percorrendo le rapide di un fiume. La prima squadra che termina il percorso, vince.

E’ necessario sempre attenersi a quanto specificato dalla guida che indicherà tutte le tecniche, le regole e le accortezze necessarie per una discesa sicura. Saper nuotare è una condizione preferenziale ma non necessaria. Avere una certa confidenza con l’acqua facilita sicuramente l’attività che può, in ogni caso, essere svolta in totale sicurezza grazie ai giubbotti salvagente in dotazione.

Rafting team building: formazione e non solo

Il Rafting team building aiuta certamente a tirare fuori il carattere dei partecipanti. Il modo in cui questi si porranno nei confronti degli inconvenienti e la loro capacità di superare i propri limiti, saranno dati fondamentali per valutarli singolarmente. Questo sport però, migliorerà anche la capacità di ascolto, la comunicazione e la fiducia del gruppo di lavoro, favorendo la collaborazione e la condivisione del medesimo obiettivo. Il rafting rappresenta, inoltre, un’ottima occasione di divertimento per i lavoratori ed è un buon antistress. Un’azienda oggi non può più ignorare i problemi di affaticamento e di nervosismo dovuti ai ritmi di lavoro e alle alte performance richieste. L’obiettivo del team building è anche questo: regalare occasioni di svago e di piacere in grado di ricaricare i propri dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *